07/02/2018
#Sbulla-Mi: entra in rete, fai la differenza

#Sbulla-Mi: entra in rete, fai la differenza 

Formare adolescenti più consapevoli delle proprie risorse, con un buon grado di autostima, capaci di relazionarsi positivamente con il gruppo e con i genitori: è l’obiettivo del progetto #Sbulla-Mi che vede impegnati in rete esperti e professionisti al servizio dei giovani cittadini milanesi tra gli 11 e i 18 anni, in svariate e innovative attività destinate a mettere al centro la persona e le sue risorse, per contrastare il bullismo e il cyberbullismo.

Il bullismo è infatti un’emergenza che si stima abbia già toccato in Lombardia 71 mila ragazzi tra i 15 e i 24 anni e in crescita da quanto attestano i numeri nazionali.

Al progetto #Sbulla-MI, unico progetto finanziato da Regione Lombardia a Milano collaborano Fondazione Padri Somaschi, Galdus, Il Gruppo della Trasgressione, I.I.S Oriani Mazzini, I.C E. Morosini e B. Savoia, I.C. Via De Andreis, Istituto La Casa, La Strada, Lo Scrigno.
Il progetto si conclude a dicembre 2018.

 

COMUNICATO STAMPA
#Sbulla-Mi: entra in rete, fai la differenza
In concomitanza del Safer Internet Day e della Seconda Giornata Nazionale contro il bullismo e il cyber bullismo a scuola, al via da febbraio le attività previste dal progetto #Sbulla-Mi per oltre 1300 studenti della provincia di Milano, per prevenire e contrastare il bullismo e il cyberbullismo. Unico progetto finanziato da Regione Lombardia a Milano, coinvolge una selezione di operatori sul territorio, specializzati ed esperti nell’educazione e formazione degli adolescenti e dei genitori. Il progetto si svolgerà a scuola e si concluderà a fine anno. E’ ancora possibile iscriversi ad alcune attività.


Milano, 6 febbraio 2018: Regione, scuole, istituzioni formative, centri d’aggregazione giovanili, professionisti ed enti no profit: un’unica grande rete per monitorare e contrastare i fenomeni di bullismo e di cyber bullismo, offrendo costruttive vie di fuga e di prevenzione, assistenza concreta e specialistica ai giovani. Da oggi Milano ha una rete impegnata per l’anno scolastico in corso a contrastare questi fenomeni in crescita in Italia, di cui le famiglie sono ancora poco consapevoli e che vede nella scuola il contesto dove possono svilupparsi e consolidarsi le abilità e le competenze in grado di prevenirlo e sconfiggerlo.
Un’emergenza che si stima abbia già toccato in Lombardia 71 mila ragazzi tra i 15 e i 24 anni e che secondo i dati del Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese/2016, vede il 52,7% degli 11-17enni nel corso dell'anno vittima di comportamenti offensivi, non riguardosi o violenti da parte dei coetanei. La percentuale sale al 55,6% tra le femmine e al 53,3% tra i ragazzi più giovani, di 11-13 anni. Ma è in internet che il bullismo trova ormai terreno fertile, secondo il 76,6% del campione. Da una ricerca condotta in Italia da Telefono Azzurro e Doxa Kids (febbraio 2016), emerge che quasi 1 richiesta di aiuto su 3 riguarda il cyberbullismo (30%) e circa 1 genitore su 10 (12%) non sa cos’è il cyberbullismo.

"Contro questo fenomeno - sottolinea l'Assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia, Valentina Aprea - agisce la Legge regionale 1 del 7 Febbraio 2017 che affida il compito di organizzare e realizzare percorsi di formazione per tutto il personale docente del sistema di istruzione e formazione lombardo, al fine di tutelare e valorizzare la crescita educativa, sociale e psicologica dei minori, proteggendo e sostenendo i soggetti più fragili. Con un finanziamento di 300.000 euro, sono stati per questo previsti, in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale, percorsi di formazione per 1.400 docenti di scuole e centri di formazione professionale, nonché progetti territoriali realizzati da reti provinciali. Sarà infine a breve istituita la Consulta regionale sul bullismo - conclude l'assessore - a garanzia della continuità degli interventi di formazione e monitoraggio del fenomeno in Regione Lombardia".

LE INIZIATIVE
Formare adolescenti più consapevoli delle proprie risorse, con un buon grado di autostima, capaci di relazionarsi positivamente con il gruppo e con i genitori: è l’obiettivo del progetto #Sbulla-Mi che vede impegnati in rete esperti e professionisti al servizio dei giovani cittadini milanesi tra gli 11 e i 18 anni, in svariate e innovative attività destinate a mettere al centro la persona e le sue risorse, per contrastare il bullismo e il cyberbullismo.
A puntare su un uso costruttivo e consapevole della navigazione sul web, dell’uso dei social e della conservazione dei dati nel cloud fino alla creazione di uno sportello anti-bullismo e cyberbullismo a scuola sono la cooperativa Lo Scrigno, la scuola professionale Galdus in collaborazione con alcuni esperti di privacy e di formazione. A formare i ragazzi più grandi perché siano loro i primi a promuovere tra i più giovani un positivo protagonismo adolescenziale è la Fondazione Somaschi con un percorso di “peer education” nelle scuole. Attività e laboratori mirati ad allenare le competenze relazionali e le life skills coinvolgeranno oltre 300 studenti delle scuole medie promuovendo la capacità di rispondere in modo flessibile e positivo alle difficoltà della vita quotidiana. Lo spettacolo teatrale “Il mito di Sisifo”, progetto avviato dal 2009 da il Gruppo della Trasgressione, in dialogo con i detenuti delle carceri di Bollate, San Vittore e Opera condurrà oltre 600 studenti a confrontarsi con chi ha fatto esperienza delle conseguenze della trasgressione a partire dalla dimensione simbolica del noto mito. Un percorso per riscoprire le ragioni per puntare sulle proprie potenzialità invece che assecondare le istanze dell’infrazione delle regole. Laboratori sulla legalità e il rispetto dell’altro coinvolgeranno tre centri d’aggregazione milanesi grazie all’esperienza e ai professionisti de La Strada. Ad accompagnare e formare i genitori, educatori e operatori di comunità sul rapporto genitori e figli in età adolescenziale, sulla comunicazione social e digital tra i giovani sarà il team di professionisti dell’Istituto La Casa.

“#Sbulla-Mi - un modello di rete educativo territoriale contro le forme di bullismo e cyberbullismo a Milano” è un progetto finanziato da Regione Lombardia che si rivolge alle classe seconde e terze delle scuole medie e superiori di Milano ( licei, tecnici, istituti e scuole professionali) con attività finalizzate a educare, prevenire, sensibilizzare e contrastare le forme di bullismo e cyberbullismo. I partner impegnati nel progetto sono: Fondazione Somaschi, Galdus, Il Gruppo della Trasgressione, I.I.S Oriani Mazzini, I.C E. Morosini e B. Savoia, I.C. Via De Andreis, Istituto La Casa, La Strada, Lo Scrigno. Il progetto si conclude a dicembre 2018.

I PARTNER
Fondazione Somaschi: Da oltre 500 anni i Padri Somaschi offrono accoglienza e aiuto alle persone più vulnerabili. Costituita nel 2011 e attiva dal 2013, la Fondazione Somaschi opera oggi nel settore dell’assistenza sociale e socio-sanitaria, della beneficenza e della formazione in favore dei soggetti svantaggiati per il perseguimento in via esclusiva di finalità di solidarietà sociale. Nello specifico la Fondazione opera per dare risposte concrete a situazioni di povertà e a bisogni sociali emergenti che coinvolgono minori ed adulti, attraverso la proposta di interventi differenziali sia per metodologia operativa sia per tipologia di disagio.
Galdus, ente accreditato presso Regione Lombardia per servizi di formazione e lavoro, da oltre 25 anni è attivo a Milano, oltre che a Cremona e a Lodi aiutando le persone a trovare, ritrovare, cambiare lavoro e a realizzarsi in esso. In sinergia con quasi 2.000 aziende del territorio, si rivolge ai giovani che hanno concluso la terza media preparandoli ad un mestiere; accompagna giovani e adulti all’inserimento lavorativo e offre a liberi professionisti ed aziende corsi di specializzazione e aggiornamento. www.galdus.it

Il Gruppo della Trasgressione è nato nel 1997 a San Vittore come un laboratorio di riflessione sulla devianza fra detenuti, studenti universitari e comuni cittadini. Oggi il gruppo è presente nelle tre carceri milanesi di Bollate, Opera e San Vittore e ne fanno parte circa 70 detenuti e una ventina di componenti esterni. Negli anni ne sono nate L'associazione Trasgressione.net Onlus, che si occupa delle iniziative culturali del gruppo e La Cooperativa sociale Trasgressione.net, che ne il braccio imprenditoriale. obie vo congiunto garan re ai componen del gruppo detenu e non, dentro e fuori dal carcere un clima di proge ualit permanente grazie alla combinazione fra le a vit culturali e quelle lavorative: formazione di detenuti e studenti, prevenzione contro il bullismo nelle scuole della Lombardia, la bancarella e le consegne di frutta e verdura, lavori di tinteggiatura.

Istituto di Istruzione Superiore Statale “Oriani-Mazzini” comprende tre sedi ubicate in via Zante 34 (sede centrale), in viale Liguria 19 e in via Ugo Pisa 5/2, con 949 studenti. ’Istituto collabora con cooperative sociali, con agenzie educative che operano sul territorio e con numerose aziende per l’attuazione di progetti di alternanza scuola-lavoro, permettendo l’acquisizione delle competenze necessarie per operare negli ambiti formativi e professionali propri dell’Istituto. Punto di forza l’attenzione rivolta agli studenti con disabilit e bisogni educativi speciali: l’accoglienza e il rispetto per le diversit caratterizzano la scuola nell’ottica dell’inclusività.

Istituto Comprensivo Statale “Via De Andreis” è situato ed opera all'interno del Municipio 4, in via de Andreis, 10. Si compone di 6 plessi: 3 di Primaria, 1 speciale e 2 di Secondaria di 1° grado ( sedi di via De Andreis e di via Dalmazia 4) con 714 studenti. L'utenza molto variegata in quanto le scuole operano in zone socialmente eterogenee. Il piano dell’offerta formativa dell Istituto, caratterizzato da una ricca progettualità che pone al centro delle proprie azioni l'inclusività e lo sviluppo delle competenze, si attua anche attraverso collaborazioni con altre Agenzie formative del territorio e partecipazione al progetto di coesione sociale “ Agor ”.

Istituto Comprensivo Statale “E. Morosini-B. Savoia”, in via Morosini 11, oltre alla scuola Primaria qui ubicata, comprende anche il plesso di scuola sec. di 1° grado “ C. Manara” , che situato ed opera in via Bezzecca 18, in zona 4. L'utenza, di 438 studenti, è molto varia. La scuola si caratterizza principalmente per l'attenzione che pone ad ogni singolo alunno e all'aspetto relazionale, attenzioni che l'Istituto ritiene indispensabili a qualsiasi forma di apprendimento.

Istituto La Casa, associazione non profit, è impegnata a rispondere ai bisogni relazionali emergenti della persona, della coppia e della famiglia, attraverso un insieme coordinato di servizi: Consultorio familiare (accreditato Regione Lombardia), Ente per l’Adozione internazionale, Movimento di incontri matrimoniali, Servizio disturbi dell’apprendimento. I servizi si avvalgono di un’equipe multidisciplinare di professionisti nell’area psicosociale, sanitaria e giuridica. Fondato a Milano nel 1943 da don Paolo Liggeri, inizialmente come opera assistenziale, è riconosciuto come il primo Consultorio familiare sorto in Italia. Istituto La Casa - Via Lattuada 14, Milano, www.istitutolacasa.it info@istitutolacasa.it

Lo Scrigno, società cooperativa sociale onlus, è attiva da 25 anni presso la città di Milano e provincia. Offre servizi animativi, educativi, formativi e socio-assistenziali a famiglie, minori, giovani, anziani e disabili, accreditata presso il Comune di Milano per i servizi Domiciliari, per gli interventi educativi nelle scuole e per la gestione di un Centro di Aggregazione Giovanile. Membro del Tavolo Sociale Territoriale del Municipio 5, coordina i lavori del Tavolo Minori di Zona.

La Strada Società Cooperativa Sociale, dal 1993, realizza e gestisce servizi e progetti socioeducativi e socioassistenziali residenziali, semiresidenziali e domiciliari rivolti a minori e adulti in difficolt : comunit alloggio hiv, alloggi per l’autonomia mamma-bambino e housing sociale, centri diurni per adolescenti, centro di aggregazione giovanile, scuola bottega e progetti per il lavoro, servizi alla domiciliarit , un centro psicoclinico per il trattamento dell’abuso infantile, altri progetti.

 


Inserisci i tuoi dati per ricevere TAM TAM, la newsletter on line